Questioni femminili

Perché questi uomini scherzano sulla violenza sessuale??

Perché, beh, stai zitta, femminista!

Di

Di recente ho trascorso una settimana meravigliosa in Francia con mio figlio e sua moglie (sì, #HilaryRowland). Una sera, volendo guardare la televisione e scoprendo – sorpresa, sorpresa – che la maggior parte dei programmi erano in francese, abbiamo iniziato a guardare alcuni cabarettisti su Netflix. Tutto bene: parla delle relazioni e delle loro sfide, presentate con molto umorismo e intuizione. E poi ci siamo imbattuti in un comico (Jim Jefferies) la cui recitazione si è trasformata rapidamente in battute sullo stupro. Cercando di non essere una donna "secca", mi sono ritrovata a lottare per ridere alle battute finché non mi sono resa conto che la mia lotta non era dovuta al fatto che ero tesa, ma perché lo stupro è una cosa semplicemente non divertente.

In realtà, la “battuta sullo stupro” è un ossimoro, e prendere alla leggera una questione così seria serve solo a normalizzare lo stupro nella nostra cultura. Le battute sullo stupro non sono divertenti. Sono traumatizzanti.

Harvey Weinstein non è un lupo solitario. L’aggressione sessuale contro le donne esiste da molto tempo in una cultura che strizza l’occhio ai “ragazzi che sono ragazzi” e ride delle “chiacchiere da spogliatoio”. I ripetuti scandali e la risposta del pubblico ad essi rendono chiaro il motivo per cui dovremmo respingere i comici maschi che scherzano sullo stupro. Quando un uomo può scherzare sull'aggressione sessuale di una donna, essere ripreso su nastro e successivamente essere eletto presidente, lo saic'è qualcosa di seriamente sbagliato.

E chi può dimenticare quando Daniel Tosh, durante una commedia incentrata sullo stupro, ha detto a una donna tra il pubblico che sarebbe stato "divertente" se fosse stata stuprata in gruppo proprio lì e in quel momento. Sì, lo ha detto davvero. Ad alta voce. Sembra che abbia pensato che anche i suoi fan avrebbero potuto trovare "divertente" guardare una donna trattenuta e stuprata di gruppo di fronte a un pubblico. (Non posso né confermare né negare se lo abbiano fatto.)

Lei se n'è andata quando lui ha detto questo, ovviamente, e ha chiesto un rimborso, che le è stato rifiutato perché... beh, stai zitto, femminista! Ora, questo è il ragazzo famoso per aver detto stupidaggini in TV, ma nel mondo fantastico nella mia testa, questo sarebbe stato un "Chi è con me?" Momento di Jerry Maguire in cui l'intero pubblico è uscito e ha lasciato Tosh.O semplicemente lì con il suo (ehm) microfono in mano.

Perché questi uomini scherzano sulla violenza sessuale??

Si spera che le chiuse si aprano e che le esclamazioni sociali di orrore e condanna segneranno l’inizio di una comprensione più illuminata di quanto siano dannose le aggressioni sessuali indesiderate per gli individui e per la società nel suo insieme. Tali aggressioni non avvengono mai, mai divertente, e i comici che usano battute sullo stupro per ottenere una risata facile e veloce dai "fratelli" dovrebbero essere informati chiaramente da tutti, ma soprattutto da quei "fratelli", di STOP. #non divertente

"Le battute sprezzanti sulla violenza domestica e sullo stupro (battute che prendono di mira le vittime, non gli autori) alimentano quell'aura di sentirsi insicuri e sgraditi, non solo nel comedy club, ma nel mondo." - Il comico Lindy West

Non c’è alcun “valore sociale” nel sessismo o nelle battute sulla violenza sessuale. Jim Jefferies usa questo materiale perché vende, lo fa sembrare interessante per un certo gruppo demografico e gli mette soldi in tasca. Non offre approfondimenti, soluzioni, empatia. Spaccia questo materiale come uno spacciatore spaccia droga, razionalizzando che sta semplicemente dando alle persone ciò che vogliono. Ma alcuni argomenti semplicemente non sono divertenti, soprattutto per le vittime. Può essere incredibilmente stimolante per un sopravvissuto ascoltare una battuta sullo stupro.

So che gli uomini vengono violentati nelle carceri e negli istituti, e i bambini vengono violentati nei conventi e nelle famiglie, ed è una cosa terribile e disgustosa da sapere. Ma non era questo l'argomento delle battute di quest'uomo. Stava scherzando sugli uomini che violentavano le donne, insinuando che lo stupro non è un grosso problema e incoraggiando il suo pubblico a ridere insieme a lui. Presumo che il pubblico di quest'uomo sia composto prevalentemente da giovani maschi le cui menti sono molto sensibili ai suggerimenti su ciò che è maschile e ciò che è divertente. Dire loro che lo stupro è divertente non è solo odioso, è addirittura pericoloso. Incoraggia le menti maschili meno sofisticate a pensare che lo stupro non sia poi un grosso problema. In questo modo, il comico che promuove questo atteggiamento ha qualche somiglianza con uno stupratore stesso e ne è responsabile cultura dello stupro.

Perché questi uomini scherzano sulla violenza sessuale??

Essendo stato io stesso aggredito molti decenni fa in una strada di Londra mentre tornavo a casa intorno all'una di notte da un jazz club, sono rimasto scioccato da ciò che ha detto il mio aggressore mentre mi copriva la bocca, mi sollevava come un mucchio di ramoscelli e mi gettava addosso il terreno. "Non voglio farti del male, voglio solo un po' dell'altro." Come se non fosse un grosso problema, e dovevo semplicemente accettarlo così da potersi liberare.

Quando sono stato salvato da alcune persone che mi hanno sentito urlare, e è stata chiamata la polizia, loro a loro volta hanno suggerito che tornare a casa da solo nelle prime ore avrebbe fatto pensare a qualsiasi giurato che lo stavo "chiedendo", quindi probabilmente non dovrei chiedere loro di andare a cercare il ragazzo che era scappato nella notte. Penso ancora alla loro casuale indifferenza verso la mia angoscia. Allora ero troppo giovane e non mondano per sfidarli, ma oggi avrei una risposta molto diversa.

Perché tanta commedia (e in particolare quella promossa da giovani comici maschi) deve essere così brutta? Quando Jerry Springer entrò sulla scena nei primi anni '90, non presentò il suo spettacolo come una commedia, ma in realtà fummo invitati a ridere delle persone (il più delle volte giovani neri) che erano incoraggiate ad attaccarsi a vicenda con parolacce e talvolta abuso fisico. Rappresentava una delle forme di intrattenimento più basse e tuttavia continua ad avere successo fino ai giorni nostri. Penso che sia stato allora che molte persone che volevano guadagnarsi da vivere facendo battute videro la luce: quel materiale vizioso e brutto aveva un vasto pubblico e poteva portare fama e un sacco di soldi.

Perché questi uomini scherzano sulla violenza sessuale??

Comprendiamo tutti perché la parola “N” appartiene esclusivamente ai neri da usare se e quando lo desiderano. Dopo aver visto per anni la parola scagliata come un’arma carica di umiliazione, disprezzo, crudeltà casuale, sottomissione, insulto, si sono guadagnati il ​​diritto di possederla e di usarla in qualche modo strano per togliere il pungiglione a una parola che ha intrappolato nel passato con la stessa certezza con cui lo è stata la schiavitù. Qualsiasi persona bianca dotata di intelligenza, comprensione, classe o discrezione sa che la parola è vietata per loro. Lo stesso dovrebbe valere per lo stupro: l’argomento non può essere utilizzato dagli uomini in un tentativo casuale, fuorviante, da studente del secondo anno di apparire cool o di deridere le donne per essere tese.

Capisco la libertà di parola e talvolta è utile scherzare su argomenti oscuri per portarli alla luce e alla coscienza delle persone. Questo non è vero con lo stupro. Sappiamo già cos’è lo stupro e come danneggia le donne per decenni, forse per tutta la vita. La libertà di parola è un ideale apprezzato, ma scherzare sulla devastazione fisica e mentale delle donne è la cosa migliore che possiamo fare, giusto?

Avatar di Frederica Pellman

Frederica Pellman was born and raised in London, and educated at a private convent in Notting Hill Gate. She moved to the West Village, NYC with one of her sisters - they had no jobs, no contacts, no place to stay and virtually no money! After a brief but memorable stay at a hotel, they found jobs, friends and an apartment, and eventually husbands. She now she lives in Southampton and spends her time writing, walking, and working as a life coach.

    Reader Discussion: 208 Comments

    1. Avatar di Hannah Banana

      Hannah Banana

      Dai popolari testi hip hop siamo diventati una società che trasforma lo stupro e la violenza in battute scherzose. Chiedere a una donna con cui ha fatto sesso occasionale o rimproverarla per aver fatto sesso occasionale dopo essere stata aggredita o violentata sessualmente è la cosa più è come dire cosa indossavi lasciando intendere che lo stessero chiedendo.
      Dovremmo insegnare agli uomini che non hanno mai il diritto di forzare il sesso.

    2. Avatar di Geoff Nugent

      Geoff Nugent

      Dobbiamo riderci sopra. Se non ridiamo alle battute, cosa siamo diventati come società? Dobbiamo imparare e capire che la commedia è solo una via d'uscita. Si prendono gioco di tutto e di tutti. Nel momento in cui tutto è vietato è il momento in cui abbiamo perso la capacità di ridere di noi stessi.

    3. Avatar di Dianne Copeland

      Dianne Copland

      Dobbiamo tutti essere sensibili. Quando un comico fa una battuta sullo stupro, ferisce qualcuno del pubblico. Non sta offendendo, sta FACENDO male al pubblico. Sta tirando fuori delle stronzate davvero, davvero oscure.

      • Avatar di Giustino

        Justin

        Stai zitto, cazzo. Non uscire se le parole ti feriscono così facilmente.

    4. Avatar di Shawna Henry

      Shawna Henry

      Non esiste una battuta sullo stupro abbastanza divertente da farmi ridere?

    5. Avatar di Melba Harrington

      Melba Harrington

      L'aspetto dello stupro nella (buona) commedia che ho notato è che non cerca di dipingerlo come una cosa accettabile o qualcosa di intrinsecamente divertente.

    6. Avatar di Sheri Chapman

      Shery Chapman

      Controllo di realtà!

    7. Avatar di Lillian Arnold

      Lilian Arnold

      Penso che il motivo per cui le persone reagiscono così fortemente all'argomento delle battute sullo stupro è perché è troppo comune. Il fatto triste è che noi, come società, non possiamo permetterci di banalizzare il problema quando non abbiamo ancora iniziato a risolverlo.

    8. Avatar di Brandy Warner

      Brandy Warner

      La cultura dello stupro riguarda lo stupro, ma anche gli altri modi in cui puoi vedere violata la tua sicurezza o il tuo corpo.

    9. Avatar di Margaret Palmer

      Margherita Palmer

      Potrebbe essere la femminista che c'è in me, ma credo fermamente che lo STUPRO NON SIA UNO SCHERZO e non si debba scherzarci sopra. È una questione seria da affrontare.

    10. Avatar di Dixie Castro

      Dixie Castro

      Ciò che ho notato riguardo alle nuove generazioni di comici è che non importa se l'argomento della battuta è offensivo o inappropriato; se riesce a far ridere, allora lo scherzo sarà detto e fatto 🙁

    Carica altri 10 commenti

    Partecipa alla conversazione! lascia un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *

    Urbanette modera e modifica i commenti per la grammatica e per facilitare una conversazione informata, concreta e civile. I commenti offensivi, blasfemi, promozionali, fuorvianti, incoerenti o fuori tema saranno respinti. Si prega di utilizzare il nome completo. I moderatori possono approvare solo i commenti scritti in inglese.

    Tutti i contenuti sono rigorosamente protetti da copyright. Contattaci per il permesso.